Pubblicato un saggio divulgativo in italiano e inglese

Il mistero Pelizza-Majorana
svelato al mondo accademico
in un congresso scientifico
internazionale in California

Gli studiosi Franco Alessandrini, ingegnere e docente universitario,
e Roberta Rio, storica austriaca, hanno partecipato
al convegno “Scienza e Coscienza” dal 5 al 10 Giugno 2017
a San Diego, con la relazione “La Fisica del Terzo Millennio,
Il ponte tra la scienza e l’Oltre”. Rivelati i segreti della macchina
“che annichilisce la materia, produce energia, trasmuta i metalli
e trasferisce cose e esseri viventi in altre dimensioni”

di Rino Di Stefano

(RinoDiStefano.com, Sabato 1 Luglio 2017)

Il logo del congresso di San DiegoIl mondo accademico internazionale comincia a porsi domande sull’incredibile storia di Rolando Pelizza circa la vita e le scoperte scientifiche di Ettore Majorana, dopo la sua scomparsa nel 1938. A esporre pubblicamente quella che è stata definita la Fisica del Terzo Millennio, sono stati Francesco Alessandrini, ingegnere civile e docente di materie geotecniche presso l’Università di Udine, e Roberta Rio, storica austriaca di origini italiane, specializzata in Paleografia, Archivistica e Diplomatica, nonché membro dell’Associazione degli Storici della Germania. La presentazione pubblica della storia Pelizza-Majorana è avvenuta durante il convegno mondiale “The science of consciousness” (La scienza della coscienza), svoltosi a San Diego, in California, dal 5 al 10 giugno 2017. La relazione “Third Millennium Physics – The bridge between science and the Beyond” (La Fisica del terzo Millennio – Il ponte tra la scienza e l’Oltre) è stata presentata nel pomeriggio di giovedì 7 giugno nell’ambito della sessione C15 “Consciousness and Models of Reality” (Coscienza e Modelli della Realtà) direttamente dall’ingegner Alessandrini. In contemporanea con questo evento, in Italia e nel mondo usciva in autopubblicazione (Edizioni Il Mio Libro) un volume in due versioni: “La macchina – Il ponte tra la scienza e l’Oltre” nell’edizione italiana, e “The Machine – The bridge between science and the Beyond”, nell’edizione inglese, sempre degli autori Roberta Rio e Francesco Alessandrini.
Ma cosa c’è di tanto inusuale nella presentazione della relazione al convegno scientifico mondiale di San Diego e nella pubblicazione di quel volume? La risposta è semplice: per la prima volta due studiosi accademici italiani hanno parlato in un contesto internazionale della storia di Rolando Pelizza e della famosa macchina, attribuita a Ettore Majorana, in grado di annichilire la materia trasformandola in energia pura, e non solo. Tra l’altro, questa relazione, L'ing. Francesco AlessandriniLa dott.ssa Roberta Riosempre in inglese, è stata pubblicata sul sito scientifico mondiale ACADEMIA.EDU, che conta 53.084.680 accademici iscritti in tutto il mondo. Basterebbe questo numero per rendersi conto di quale sia stata la divulgazione della notizia a livello internazionale. L’evento, inoltre, è rilevante anche perché in Italia, nonostante la documentazione, le foto, le perizie e le prove inerenti l’esistenza e l’operatività della famosa macchina, la scienza ufficiale ignora volutamente la storia di Rolando Pelizza e non prende in alcuna considerazione l’ipotesi che, effettivamente, Ettore Majorana potrebbe davvero essersi nascosto in un convento di clausura quel 27 marzo del lontano 1938, appena sbarcato nel porto di Napoli dal traghetto Tirrenia proveniente da Palermo. Così come, vent’anni dopo, nel 1958, potrebbe aver conosciuto casualmente un giovane bresciano, rispondente al nome di Rolando Pelizza, e potrebbe averlo fatto diventare il suo discepolo insegnandogli le nozioni di una nuova e rivoluzionaria fisica. Quella stessa fisica che negli anni Settanta sarebbe poi diventata una macchina in grado di compiere operazioni che, alla luce di quanto sappiamo fino ad oggi, non può che apparire assolutamente fantascientifica. Il condizionale è d’obbligo, ovviamente, non essendoci alcun atto ufficiale o giudiziario che certifichi tale presunta realtà. Ma è pur vero che esiste una tale valanga di prove e indizi da far nascere il ragionevole dubbio che, se questa storia non è stata ancora ufficialmente indagata, forse è perché qualcuno non vuole che si conosca. Ma limitiamoci a prendere atto di quanto è accaduto e vediamo che cosa c’è scritto nella relazione presentata a San Diego. Con una premessa: quel documento altro non è che la sintesi di quanto c’è scritto nel libro del duo Rio-Alessandrini. Il volume, in pratica, costituisce un ulteriore approfondimento del messaggio che i due autori hanno voluto lanciare al mondo, cogliendo l’occasione del convegno scientifico californiano.
La copertina dell'edizione italiana del libro "La Macchina"Già dal titolo, La Fisica del Terzo Millennio, si capisce che la relazione presenta un contenuto alternativo rispetto alla realtà attuale. E la premessa non è sbagliata, visto che fin dalla sinossi, viene spiegato che “La mente illuminata di Ettore Majorana, dal silenzio di un convento in cui si è volontariamente rinchiuso per decenni, ha prodotto una nuova matematica e una nuova fisica che alimentano un salto epocale nella conoscenza umana.
Qui si richiamano la sua teoria e alcuni aspetti salienti della costruzione di una macchina, realizzata da Rolando Pelizza, che ha dimostrato quanto esatte e reali fossero le ipotesi di Ettore.
Il mondo ha ora nuove grandiose possibilità: può annichilire la materia, può produrre energia infinita a costo zero, può trasmutare la materia e può spostarsi in altre dimensioni.
Ma questa conoscenza, da noi definita la Fisica del Terzo Millennio, non sarà subito disponibile all’umanità … è prima necessario un percorso di graduale presa di coscienza e di cambiamento degli atteggiamenti umani.”
.
E’ così, con questa presentazione che sposa in pieno la storia di Rolando Pelizza e il suo racconto su Ettore Majorana, che Rio e Alessandrini preparano il lettore a quanto di sconvolgente stanno per dire.
Secondo i due autori, la grande innovazione portata dalla scienza di Majorana consiste nell’interpretazione delle leggi della materia attraverso un nuovo modo di concepirle. “Ma, soprattutto, è una fisica che ‘fa pace’ tra Scienza e Spiritualità, riuscendo a colmare quell’enorme iato che l’uomo moderno, piuttosto scioccamente, ha aperto fra i due principali modi di percepire la realtà. La Scienza ha finalmente accesso alla comprensione di ciò che sta Oltre quel che è avvezza a considerare come mondo fisico, per penetrare un ambito dove è posizionato il vero ‘centro decisionale e organizzatore’ della vita nella Materia”.
Questo posto, aggiungono gli autori, avrebbe poco a che fare con la dimensione fisica alla quale siamo abituati, in quanto sarebbe sempre stato nascosto al nostro mondo puramente razionale. Ma che cosa avrebbe scoperto, di preciso, Majorana? “Una conoscenza grandiosa e nel contempo infinitamente semplice – risponde Pelizza – Oggi stiamo spendendo somme enormi di denaro negli acceleratori di particelle e nelle ricerche sulla fusione nucleare, tutti tentativi che cercano di violentare l’atomo per estrargli in modo estremamente forzato la grande energia che gli è stata racchiusa dentro”.
A quanto pare, invece, la fisica di Majorana seguirebbe il cammino della comprensione e della non violenza, per dirla alla maniera di Gandhi. “Ettore è entrato in contatto con ‘l’intimità’ della Materia – si legge nel documento – e a questo livello di ‘rapporto’, la Materia, se adeguatamente e pacatamente assecondata, è in grado di dare tutta sé stessa”.
La copertina dell'edizione inglese del libro, intitolata "The Machine"Entrando nel dettaglio scientifico, Rio e Alessandrini illustrano ciò che, anche allo stato attuale delle cose, si conosce circa il pensiero del grande scienziato scomparso. “Le conoscenze principali di Ettore – viene spiegato – sono riconducibili alla ‘Teoria Generale degli Esponenti’ in cui si percepisce che ‘tutte le leggi della natura sono simmetriche rispetto ai due versi del tempo e che tutti i fenomeni dell’universo sono costituiti da onde sferiche le quali, per detta simmetria, possono essere non solo divergenti – fenomeni 'entropici’ – come quelle comunemente osservate, ma anche ‘convergenti’ – fenomeni ‘sintropici’. In pratica si riconosce che il mondo non funziona solamente in maniera entropica, ovvero solo con un accrescimento del disordine come asserito dal secondo principio della termodinamica, ma anche in maniera sintropica, ovvero con un accrescimento dell’ordine. La sintropia viene introdotta non come ipotesi arbitraria, ma come conseguenza logica necessaria alla struttura quantistica (meccanica quantistica) e relativistica (relatività Einsteiniana) dell’universo. A valle di questo, casualità e finalità vengono portate sullo stesso piano logico, ‘come sono due le soluzioni di un’equazione di secondo grado’ ”.
Tutto questo, secondo l’esposizione di Rio e Alessandrini, porterebbe ad un nuovo modo, completamente diverso rispetto a quello attuale, di vedere la scienza e la realtà. “Ettore – sostengono – perviene alla formulazione di una teoria unitaria dove vengono riuniti i fenomeni fisici e biologici, introducendo nella scienza esatta il finalismo. Nella teoria assume un particolare rilievo un diverso approccio matematico rispetto a quelli classici. Si comprende che l’ordine matematico naturale non è quello sostenuto dalla base decimale elaborata dall’uomo, ma sottostà ad altre basi, come per esempio, in alcuni casi, a quella del funzionamento atomico a base otto (sistema numerico ottale)”.
Senza voler andare troppo nello specifico, la relazione racconta che, sempre secondo il presunto pensiero di Majorana, subito dopo la creazione dell’universo ci fossero undici dimensioni e nel momento del Big Bang sette dimensioni spaziali si sarebbero “arrotolate”, lasciandone “estese ed esplicite” le quattro che conosciamo: tre spaziali e una temporale. Tuttavia, “le sette dimensioni nascoste hanno un’influenza assolutamente fondamentale sul funzionamento delle altre quattro distese. Se non si considerano e conoscono queste dimensioni nascoste, il funzionamento delle altre 4 diventa solo parzialmente e impropriamente conoscibile”.
Insomma, Majorana sarebbe riuscito a comprendere, per via matematica, la presenza di questa realtà occultata alla nostra vista. Messa in altri termini: “La teoria di Ettore studia un sottoinsieme del Creato ed è in grado di portare una conoscenza ‘scientifica’ completa su ciò che presenta una qualche ‘dimensione’, ovvero ciò che indichiamo come Materia + Oltre Materia (11 dimensioni)”.
La conclusione dialettica è che “Tutta questa conoscenza è stata raggiunta, dunque, perché alla base del nostro Creato c’è una struttura geometrica e, dunque, matematica!”.
La sequenza della trasmutazione del cubo di gommapiuma in oro Il fatto eclatante è che questa “teoria fantastica” assume incredibili connotazioni reali quando diventa “teoria convalidata dalla sperimentazione”, grazie alla famosa macchina che Rolando Pelizza avrebbe costruito sotto la guida dello stesso Majorana.
Una piccola parentesi prima di continuare nell’esposizione della relazione scientifica che ormai ha fatto il giro del mondo: che la macchina di cui si parla sia stata un fatto reale e concreto tra gli anni Settanta e Ottanta, non c’è dubbio alcuno. Così come è altrettanto certo che nella storia di questa apparecchiatura siano stati coinvolti, a più riprese, i governi italiano, americano e belga. Esiste una tale documentazione a questo riguardo da non lasciare incertezze di sorta su come si svolsero effettivamente i fatti in quell’epoca. Il problema riguarda il presente: nessuno, infatti, ha la più pallida idea se quella macchina esista ancora, eventualmente dove sia nascosta e, nel caso, quali sarebbero gli eventuali interessi che girerebbero attorno ad essa. Detto questo, vediamo come funzionerebbe l’incredibile macchina, anche perché questa è la prima volta che una spiegazione completa viene proposta al mondo accademico e al grande pubblico. Cominciamo col dire che la macchina sarebbe in grado di operare su sei fasi diverse, ma fino ad oggi ne sarebbero state completate solo le prime quattro. La prima prevede l’eliminazione controllata della materia: “La macchina di Rolando riesce a liberare in forma organizzata dell’antimateria. Essa ‘proietta’ atomi uguali e contrari a quelli della materia in esame, ‘cancellandola’ ovvero annichilendola. Rolando riesce a provocare un’annichilazione selettiva, e cioè può decidere quale materiale annullare, anche selezionandolo tra diversi adiacenti o sovrapposti. Inoltre le antiparticelle si possono mescolare, in modo da annichilire oggetti costituiti da materiali diversi”.
Considerando che chi volesse può trovare nel mio sito i link per vedere i video della macchina in funzione nel 1976, non ci vuole molta immaginazione per comprendere che un simile meccanismo, se fosse utilizzato per fini bellici, potrebbe essere definito l’arma perfetta.
Vediamo adesso la seconda fase, cioè la produzione di energia. “La macchina di Rolando – è spiegato – in questa fase viene predisposta per rallentare lo spin delle particelle costituenti il materiale in esame. Tale rallentamento induce nella materia una sorta di attrito ‘interno’, un po’ come succede quando il freno rallenta la ruota della vostra bicicletta, il cui effetto evidente è un riscaldamento. Calibrando bene il rallentamento si può portare la materia trattata a una temperatura inferiore a quella che la farebbe sciogliere, diciamo dell’ordine del 40% di quella di fusione o di ebollizione. Questo in modo da stare sufficientemente lontani dalla fusione stessa che corrisponde, di fatto, alla sparizione della materia.
La particolarità è che si può così disporre di un corpo caldo, sempre alla stessa temperatura – le oscillazioni misurate sono minime – che non si riscalda ulteriormente, anche se il calore non viene assorbito dall’esterno.
Pelizza mentre pone il cubo d'oro sulla bilanciaSe il calore, viceversa, viene assorbito – per esempio con un sistema di circolazione d’acqua attorno al materiale riscaldato –, il corpo continua a rimanere alla stessa temperatura mentre si ha a disposizione dell’acqua calda a qualche centinaio di gradi per produrre energia. Ve la immaginate un’energia infinita, senza consumo di materia prima, a un costo praticamente zero!?”
.
Ci pensate a quanti potrebbero essere interessati a utilizzare questa fase? Ma siamo ancora lontani dal restare a bocca aperta per la sorpresa. Passiamo alla terza fase: la trasmutazione. In altre parole, trasformare un materiale in un altro, cambiandone il numero degli elettroni. Rio e Alessandrini sono molto chiari nella descrizione: “In questa fase, giunta a un livello di completa messa a punto già nel 1992, si può prendere un volume di materia, diciamo un blocco di polistirolo e trasformarlo in un blocco di oro, conservandone volume e forma. Qui lasciamo a voi immaginare cosa potrebbe rendere possibile questa fase; vi assicuriamo solo che questa possibilità può portare alla soluzione di molti dei problemi in cui il mondo si sta dibattendo attualmente. Siccome sappiamo che quello che stiamo dicendo potrebbe suscitare una certa perplessità, vi mostriamo nella figura 3 una sequenza di fotogrammi, ripresi da una telecamera, in cui si vede la trasmutazione di un blocco di gommapiuma in oro. Tutta la sequenza della trasmutazione che vi mostriamo si sviluppa in 25 centesimi di secondo”.
 In questo caso è necessaria una spiegazione supplementare. I fotogrammi di cui parlano i due autori fanno parte di un filmato dell’ottobre 1992 quando Rolando Pelizza, che si trovava in un garage nei pressi di Barcellona, fece una ripresa televisiva di se stesso mentre trasformava in oro decine di cubi di gommapiuma. Il filmato dura 103 minuti, comprende due giorni di riprese, e mostra l’intraprendente bresciano con la sua riserva personale d’oro: 125 cubi del peso di circa 65 chili l’uno. E cioè 8 tonnellate e 125 chili di oro al 100%, una percentuale inesistente in natura. Tanto per avere un ordine di grandezza, nel 2007 l’oro valeva circa 18,35 euro al grammo. Quindi parliamo di quasi 150 milioni di euro dell’epoca. Oggi, invece, l’oro viene valutato circa 35,45 euro al grammo, quindi più o meno 288 milioni di euro. Pelizza avrebbe potuto essere l’uomo più ricco del mondo, con l’andazzo di quella produzione. Ma c’è un però: a quanto racconta egli stesso, pare che si fosse messo d’accordo con La pila dei cubi d'oro di Pelizzanon meglio precisati “americani” per cedere quel tesoro, a un “prezzo di favore”: il 50% del valore effettivo. La consegna dei cubi avvenne alla fine del giugno 2007, alla presenza di un magistrato donna spagnolo, e venne redatto un verbale. Tutto regolare, quindi, ma quei soldi non vennero mai versati.
Ma non è finita qui. Quel video, da allora, è finito in diverse mani. Si sa per certo che copie del filmato sono finite in Svizzera e in Russia. E chissà in quante altre parti del mondo. Insomma, sono in tanti ormai a sapere che cosa quella macchina sia in grado di fare.
Adesso una copia è anche in mano di Roberto Giacobbo, il noto conduttore di Voyager su RAI2. Nell’intervista a Pelizza mandata in onda il primo agosto 2016, ha mostrato molto velocemente il fotogramma finale della trasmutazione in oro di un cubo di gommapiuma. Pare che a breve ci sarà un altro programma con una nuova intervista a Pelizza.
Ora veniamo alla parte più sconvolgente, e cioè alla quarta fase: il trasferimento dimensionale. “Con la macchina – infatti – è possibile trasferire persone e oggetti in altre dimensioni, nel tempo e nello spazio, e eventualmente ritornare al punto di partenza originale. Ciò significa, ad esempio, far scomparire qualcosa dal mondo fisico e portarlo in una dimensione invisibile. Ma significa anche ringiovanire un corpo di dieci, venticinque, trenta o settant'anni, mantenendo intatti l'intero pacchetto di conoscenze e ricordi: in breve, una volta invecchiati, potremmo far tornare i nostri corpi giovanili, mantenendo tutti i ricordi delle nostre esperienze così come la conoscenza di un'intera vita”.
Spiegata con parole semplici, ciò significa che una persona molto anziana potrebbe tornare agli anni della gioventù, mantenendo l’aspetto e lo stato fisico totale del giovanotto di una volta. A questo proposito, leggete quanto c’è scritto nel libro di Rio e Alessandrini a pagina 91: “Nel monastero dove si trovava Ettore, venne eseguito un primo esperimento conclusivo. Si trattava di ringiovanire un cagnolino, ormai anziano e morente, molto caro ai frati del convento. Essi gli avevano insegnato nel corso della vita a saltare attraverso i cerchi, cosa assolutamente non innata nell’animale. Usando la macchina, lo riportarono all’età di circa un anno. La cosa eccezionale è che, subito dopo l’esperimento, il cagnolino si mise a saltare attraverso i cerchi. Questo fatto fece luce su uno dei dubbi ancora aperti che avevano, ovvero sul fatto se, nel ringiovanimento del corpo Pelizza mentre sistema uno dei cubi d'oro sulla pilafisico, si sarebbe conservata o meno la memoria e la personalità che l’essere aveva prima dell’esperimento. Il fatto di vedere saltare gioiosamente attraverso i cerchi fu la prova che li convinse che tutto era pronto e che si poteva fare il passo successivo. Rolando ricorda con gioia il momento in cui, dopo l’esperimento, lui ed Ettore si misero a giocare con l’animale giovane e vivace. Ma ricorda anche l’efficacia della strumentazione spionistica americana: qualche tempo dopo, infatti, gli venne fatta vedere una foto satellitare in cui si vedevano, in maniera nitida, Ettore e Rolando giocare con il cagnolino ringiovanito”.
A questo punto è ovvio domandarsi se l’anziano Majorana abbia o meno usufruito della sua macchina per ringiovanirsi. Pelizza non si pronuncia a questo riguardo e, comunque, almeno per il momento, non è disponibile alcuna documentazione in merito.
Concludendo la loro relazione per il pubblico mondiale, Rio e Alessandrini ammettono quanto sia difficile credere in tutto quello che hanno esposto. “Siamo consapevoli che la storia che vi raccontiamo possa suscitare in voi un certo scetticismo: è la naturale, potremmo dire biologica, reazione provocata dalla nostra mente razionale, che non può accettare l’esistenza di qualcosa che vada oltre l’ordine costituito – dicono – Anche noi all’inizio eravamo decisamente scettici ma poi, gradualmente, l’evidenza dei fatti ci ha costretti ad ammettere che tutto quello che vi abbiamo raccontato è vero e realmente sperimentato. Siamo di fronte a un ‘colossale’ avanzamento delle conoscenze, un vero salto quantico, come si dice oggi, senza ben sapere cosa voglia dire ‘quantico’. Questa grandiosa scoperta ha però un altrettanto grande limite, come tutta la conoscenza discesa in ambito umano: essa può essere usata per il bene dell’umanità o per il suo male. Siamo di fronte a qualcosa che può salvare un pianeta ormai sull’orlo del collasso o, viceversa, distruggerlo in poche ‘mosse’. Dipende dall’uso che ne facciamo. Ettore e Rolando si sono sempre strenuamente opposti a un uso nefasto della macchina, rendendo la propria vita certamente non semplice e in aperto contrasto con chi voleva farne un’arma. Ci auguriamo che essa diventi di pubblico utilizzo al più presto, operata esclusivamente da persone dedite solo al bene del mondo”.
E Pelizza? Oggi l’anziano bresciano, ormai sulla strada dell’ottantesimo compleanno, è un uomo solo e senza mezzi, che sopravvive grazie all’aiuto di alcuni amici. Non ha più la macchina e non può continuare i suoi amati esperimenti, ma continua a bussare alle porte dei suoi debitori per riscuotere quanto gli è dovuto per quei 125 cubi d’oro. Gli avrebbero fatto molte promesse dal 2007, ma continua a ripetere di non aver mai ricevuto un solo euro. L’unica soddisfazione è che la sua singolarissima storia ha suscitato l’interesse di due grandi università italiane che adesso sono in qualche modo coinvolte nello studio della misteriosa tecnologia. Non è molto, ma è pur sempre un buon inizio per fornire una spiegazione scientifica e razionale ad uno dei più grandi enigmi del Novecento.
Majorana e Pelizza mentre passeggiano nel parco del convento il 5 Agosto 1996Intanto, avvilito per tutte le inesattezze che sono state dette su di lui, alla fine Pelizza ha deciso di uscire allo scoperto inserendo la sua verità (foto, documenti, filmati e perizie) in un sito web dove racconta le esperienze di una vita (www.majorana-pelizza.it) . Molti di questi contenuti sono assolutamente inediti, per esempio il filmato dove si vedono Pelizza e Majorana passeggiare nel parco del convento. Oppure vari esperimenti effettuati con la macchina. Le lettere sono state periziate dalla dottoressa Chantal Sala, grafologa specializzata in ambito forense; immagini e filmati sono stati periziati dall’ingegner Michele Vitiello, titolare dello Studio Ingegneria Informatica Forense. Forse la cosa che colpisce di più è il titolo d’apertura di questo materiale: “Con grande amarezza pubblichiamo il contenuto di questo sito”. Infatti, Pelizza spiega che, nonostante tutti i suoi sforzi per far conoscere la nuova tecnologia e donarla allo Stato italiano per il benessere della nazione e del mondo, non c’è riuscito a causa degli intricatissimi giochi di potere in cui si è trovato. Da qui la sua amarezza. Adesso, stanco di combattere, fa conoscere i suoi antichi segreti e si ritira in buon ordine, ammettendo la sconfitta. La verità è che non basta voler cambiare il mondo, anche se ce ne sarebbe un gran bisogno. Qualcuno, e non è difficile immaginare chi, desidera che tutto resti com’è, macchina o non macchina. Con buona pace degli eventuali geni che, come Majorana, ogni tanto fanno capolino su questa piccola e tormentata terra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

Articolo redatto da Francesco Alessandrini e Roberta Rio
per la presentazione a
The Science of Consciousness (TSC) 2017
a San Diego - CA
Giugno 2017

© 2017 Francesco Alessandrini e Roberta Rio

PDF IconVERSIONE ITALIANA
[PDF – 1,06 MB]

PDF IconVERSIONE INGLESE
[PDF – 1,12 MB]

Per visualizzare i file PDF, si può utilizzare Adobe® Reader®
Get Adobe® Reader®

 

Video correlati:

Pagine correlate:

Articolo precedente Articolo successivo

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | Google+ | YouTube | Contatti

© 2001-2017 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul Copyright

Protected by Copyscape