Ecco i piani di costruzione
della macchina di Pelizza

(RinoDiStefano.com, Sabato 12 Marzo 2016)

Fase preparatoria dell'esperimento di PelizzaIl materiale distrutto dal raggio della macchina

In un certo senso potrebbe essere definito il testamento spirituale di Rolando Pelizza. Oppure, se volete, l’ultimo tentativo di Pelizza, personaggio controverso e circondato da un alone di mistero, per condividere con il resto del mondo (e soprattutto la comunità scientifica) il segreto della macchina che, a suo dire, sarebbe in grado di annichilire la materia, generando grandi quantità di energia pulita. Alla soglia degli ottant’anni, dopo una vita a dir poco avventurosa all’ombra di una scoperta che ancora oggi sembra del tutto incredibile, l’uomo comincia a pensare a ciò che sarà quando il Padreterno lo chiamerà al suo cospetto.
Comunque sia, quelli che state per leggere sono i piani di costruzione della famosa macchina. Me li ha dati Pelizza in persona, pregandomi di pubblicarli nel mio sito. Ovviamente, non ho la competenza per poter giudicare questo materiale. Non sono né un tecnico, né uno scienziato, ma soltanto un giornalista che cerca di rendere il più comprensibile possibile uno dei casi più strani ed enigmatici del secolo scorso. E’ dunque con spirito di servizio, per arricchire la conoscenza di chi mi legge, che ho acconsentito a questa pubblicazione.

Ammesso e non concesso che qualcuno raccolga davvero il testimone di Pelizza, ci sarà poi il problema di usare la formulazione giusta per far funzionare la macchina. A questo riguardo, Pelizza specifica che alla sua morte un notaio riceverà il mandato per consegnare la documentazione solo a colui, o coloro, che si impegneranno a soddisfare un preciso protocollo di richieste etico comportamentali da lui volute. A buon senso, non mi pare che le pubbliche autorità dovrebbero consentire che un privato entri in possesso di un tale macchinario, sempre che lo stesso abbia le caratteristiche di cui si parla. Ma il disinteresse mostrato fino ad oggi dal governo italiano è molto eloquente per spiegare questa eventualità. E poi questa è la volontà di Pelizza. Chi vuol farsi un’idea più precisa, deve solo continuare questa lettura.

RDS

AGGIORNAMENTO DEL 7 APRILE 2016

Alcuni lettori mi hanno fatto osservare che il mio commento di cui sopra metterebbe Rolando Pelizza in cattiva luce, in quanto non dà per scontate le potenzialità della sua macchina. Non è affatto così! Ho sempre avuto un grande rispetto per Pelizza e per il suo lavoro, riportando con assoluta serietà professionale fatti e testimonianze relativi alle incredibili vicende delle quali è stato protagonista nel corso della sua vita. Nonostante tutto il mio lavoro di ricerca, posso tuttavia affermare di non aver mai assistito personalmente ad un solo esperimento operativo della famosa macchina e di non aver mai avuto, finora, una prova scientificamente incontrovertibile di quanto la stessa sia capace di fare. Se dunque dovessi esprimere un parere strettamente giornalistico, sarei per forza di cose costretto a manifestare un ragionevole dubbio. E questo a prescindere dalla notevole massa di materiale pro Pelizza che ho raccolto negli anni. Resta allora una sola soluzione per risolvere questa perplessità: un giorno, non so dove e non so quando, alla presenza di esperti qualificati, Pelizza dovrebbe dare una pubblica dimostrazione circa l’operatività della sua macchina. Quel giorno mi auguro di esserci anch’io e sarò il primo a prenderne atto e a scriverne. Da quel momento, il personaggio Pelizza non sarà più “controverso”, ma si parlerà di uno scienziato portatore di una nuova fisica. Fintanto che questo non accadrà, la realtà purtroppo resterà quella che conosciamo oggi.
Intanto, per coloro che chiedono quando sarà pubblicata la parte finale dei piani di costruzione della macchina, annuncio che Pelizza mi ha assicurato di rendere disponibile il materiale al più tardi entro la prossima settimana. Non appena lo riceverò, lo pubblicherò.

AGGIORNAMENTO DEL 20 APRILE 2016

Ricevo e pubblico in data odierna il materiale che aggiorna i piani di costruzione della macchina. Resta una parte terminale che provvederò a pubblicare, non appena la riceverò.

AGGIORNAMENTO DELL'11 LUGLIO 2016

In data odierna aggiungo l'intera parte terminale riguardante la gestione delle rotazioni dei motori e dell'impulso alla bobina. Unitamente ai disegni, si trova un software che completa la divulgazione della documentazione.

AGGIORNAMENTO DEL 17 FEBBRAIO 2017

LA TECNOLOGIA DI PELIZZA
A UNA SOCIETÀ INTERNAZIONALE

Ricevo e pubblico volentieri:

PDF IconVERSIONE PDF DELLA COMUNICAZIONE DI ROLANDO PELIZZA
[678 KB]

Per visualizzare il file PDF, si può utilizzare Adobe® Reader®
Get Adobe® Reader®

La prima cosa che mi è venuta in mente quando ho letto questa lettera, è che siamo di fronte ad un salto di qualità in questa straordinaria e incredibile storia. Tutti coloro che non hanno creduto all’esistenza della famosa macchina, adesso hanno qualcosa su cui riflettere. Come c’era da aspettarsi, questa fantomatica tecnologia sarebbe finita in mani internazionali. Visti decisamente vani gli sforzi per donare il macchinario ai governi che si sono succeduti in Italia, alla fine qualcuno più avveduto pare che abbia colto l’occasione al volo. Da questo momento, dunque, Rolando Pelizza esce di scena, nel senso che dovrà rispettare le norme contrattuali che ha già siglato. Riservatezza compresa. L’unico interrogativo (e non è da poco) resta il nome di questa società. Secondo quanto dice lo stesso Pelizza, il contratto verrà formalizzato nei prossimi mesi e allora verrà emesso un comunicato ufficiale che spiegherà ogni cosa. Per il momento non resta che aspettare, in attesa di quel giorno. La nota che mi pare positiva, dando sempre per scontato che qualcuno in qualche parte del mondo si prenda la responsabilità di affermare di aver acquisito la tecnologia in questione, è che dovrebbe nascere la Fondazione con i suoi obiettivi benefici. E’ un vecchio pallino di Pelizza: ha sempre detto che avrebbe ceduto il frutto del suo ingegno a due precise condizioni: la prima è che doveva essere utilizzato solo per fini civili e non militari; la seconda è che il 70% degli eventuali profitti doveva essere destinato alla Fondazione. Sembra che ci sia riuscito. La misteriosa società, che al momento è priva di un’identità, si sarebbe fatta carico anche di questo rilevante onere. Che dire? Chi vivrà vedrà. E speriamo che, se sarà una rosa, abbia almeno un numero di spine piuttosto contenuto.

RDS


I file qui allegati sono stati controllati col software antivirus
Norton™ Security Norton by Symantec

PDF IconUNA NUOVA FISICA PER IL MONDO [PDF – 3,43 MB]

ZIP IconDISEGNI MACCHINA IN CAD/CAM (.STEP)
[Cartella compressa .ZIP – 47,56 MB]

ZIP IconDOCUMENTAZIONE GESTIONE
ROTAZIONE MOTORI E IMPULSO ALLA BOBINA
[Cartella compressa .ZIP – 198 MB]

Materiale coperto da Copyright
© Rolando PELIZZA

Per visualizzare il file PDF, si può utilizzare Adobe® Reader®
Get Adobe® Reader®

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

 

Video correlati:

Pagine correlate:

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | Google+ | YouTube | Contatti

© 2001-2017 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul Copyright

Protected by Copyscape