Questo sito web utilizza cookie tecnici e analitici, utilizzando misure a NON identificare l'utente e per fornire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a utilizzare questo sito web senza modificare le impostazioni dei cookie, o cliccando su "Chiudi", permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni, leggere l'Informativa sulla Privacy.

Chiudi

La perestroika ha riabilitato
anche i cacciatori di UFO

A Tucson, in Arizona, studiosi (arrivati persino dall'Urss)
e visionari hanno discusso di «incontri ravvicinati del terzo tipo»

(Il Giornale, Venerdì 17 Maggio 1991)

Dal nostro inviato
Rino Di Stefano
a Tucson (Arizona)

La segreteria del Congresso Mondiale di Ufologia a TucsonLa cosmonauta sovietica Marina Popovich, membro dell'Accademia delle Scienze dell'Urss e moglie del generale Pavel Popovich, anche lui cosmonauta, non si aspettava un simile trattamento quando è scesa dal jet della Delta Airlines che l'ha portata all'aeroporto di Tucson, in Arizona. A riceverla ha trovato, il tenente colonnello Wendell C. Stevens, veterano dell'Aeronautica militare statunitense, che le ha dato il benvenuto sul suolo americano dichiarandosi onorato di averla come relatrice, e ospite d'onore, al primo Congresso Mondiale di Ufologia che si è svolto presso l'Hotel Hilton di Tucson all'inizio di maggio.
La dottoressa Popovich, infatti, è stata una dei quattordici delegati internazionali, provenienti da altrettanti Paesi, a portare la propria testimonianza di scienziata sul problema ancora irrisolto degli oggetti volanti non identificati. Non era sola: del suo seguito facevano parte anche il biologo Vlktor Kostrykin e il giovane Valery Uvarov, l'unico dei tre a parlare inglese. "Se siamo qui - ha detto Marina Popovich stringendo la mano del colonnello Stevens — lo dobbiamo alla perestroika Rino Di Stefano davanti all'Hotel Hilton di Tucson dove si è svolto il Congressodi Gorbaciov. Fino a qualche tempo fa nell'Unione Sovietica era vietato perfino parlare di UFO». E ha citato la sorte toccata al matematico Sigel Uriy, all'esperto in radiocomunicazioni Pem Varlamov e all'astronomo Alexander Kuzovkin, tutti e tre finiti in ospedali psichiatrici e poi in Siberia per aver incautamente esposto le loro teorie sui dischi volanti che di tanto in tanto fanno capolino nei cieli sovietici.
Oltre all'interesse ufologico, la Popovlch e Stevens hanno in comune anche un'altra caratteristica: dopo trent'anni di servizio attivo, entrambi hanno lasciato le rispettive Aeronautiche per ritirarsi a vita privata. Marina Popovich oggi è la responsabile del settore scientifico della joint venture russo-tedesca «Ms-Max» con sede a Mosca. Stevens è invece titolare di una casa editrice di Tucson che si occupa principalmente della casistica UFO nel mondo.
Che ci sia stato qualcosa di militare nell'organizzazione di questo congresso lo si è dedotto anche dalla presenza del tenente colonnello dell' US Army Robert O. Dean, ufficiale superiore in forza al quartier generale della Nato, anche lui pensionato. «Io Lo stand del Brasile al Congresso Mondiale di Ufologiae Dean — spiega Stevens — ci siamo conosciuti mentre lavoravamo nei rispettivi servizi di Intelligence. Lui indagava sugli UFO perché alla Nato si temeva che potessero costituire una minaccia di tipo militare. Io me ne occupavo nell'ambito di un progetto in cui lavoravo all'Air Technical Intelligence Center di Wright Field. Entrambi ci siamo convinti che il problema degli oggetti volanti non identificati è serio e reale. Anche se i governi, e in particolare quello degli Stati Uniti, fanno di tutto per minimizzare il fenomeno. Lo scopo è quello di impedire che si diffonda il panico tra la gente, ovviamente. è anche per questo che i servizi di spionaggio catalogano minuziosamente tutte le informazioni inerenti gli UFO. La maggior parte sono bufale, ma alcune sono assolutamente reali. Del resto, come si spiegherebbe il fatto che proprio qui, in questo congresso, abbiamo individuato almeno tre elementi appartenenti ai servizi segreti?»
A rendere plateale l'occulta presenza ci ha pensato ilOperatori al lavoro durante lo svolgimento del Congresso colonnello Dean il quando, aprendo i lavori del congresso, ha ironicamente dato il benvenuto agli ex colleghi dell'intelligence presenti nel folto pubblico dell'Hilton. Rincrescimento è stato invece espresso per l'assenza dello scienziato iraniano Darush Bagheri cui le autorità di Teheran hanno rifiutato il visto d'uscita per gli Stati Uniti.
Numerosi e documentati i casi proposti all'attenzione del partecipanti al Congresso. La parte del leone l'hanno fatta i sovietici mostrando le foto di una presunta aeronave extraterrestre abbattuta il primo marzo 1983 da un missile terra-aria sul monte Stolovaia, nei pressi della cittadina di Vladikolvlcaz. «Il velivolo — ha detto Valery Uvarov — era costituito di una materia vetrosa molto resistente ed è stato sequestrato dalle autorità militari dopo essere stato scoperto da alcuni cercatori di funghi. Il posto di guida prova che il pilota doveva avere una statura di circa quattro metri. Probabilmente l'alieno è stato salvato dai suoi simili subito dopo l'abbattimento»
Lo scrittore Antonio Ribera Jorda-Booth di Barcellona ha attratto l'attenzione del pubblico parlando degli avvistamenti ufologici in Pier Fortunato Zanfretta a TucsonSpagna. Il giornalista Jun-Ichi Yaoi di Tokio ha mostrato un documentario della Nippon Tv su un caso di rapimento attribuito a un UFO. Un altro giornalista, Jorgé Martin, ha suscitato un brivido tra i presenti mostrando le riprese fotografiche di un caccia militare americano intercettato e "assorbito" da un grosso disco volante nel cielo di Portorico.
Anthony Docki, ispettore di polizia nello Yorkshire, in Inghilterra, ha mostrato documenti che proverebbero la caduta di un UFO nel deserto del Kalahari, in Sud Africa.
Per l'Italia, interesse ha suscitato la vicenda di Fortunato Zanfretta, il metronotte genovese che negli anni ‘78-80 sarebbe stato protagonista di «incontri ravvicinati del terzo tipo». Lo scrittore Roberto Pinotti ha invece parlato dei fenomeni ufologici che, sempre in quegli anni, hanno destato molto scalpore lungo la costa adriatica.
Il «caso» che ha comunque più impressionato la platea è quello citato dal professore brasiliano A. J. Gevaerd, di Campo Grande. In sintesi, si tratta di tre contadini della jungla amazzonica che sarebbero stati rapiti a bordo di un disco volante. Uno di questi giovani sarebbe stato «costretto» ad avere un rapporto sessuale con una strana aliena di aspetto tutt'altro che sgradevole.
Altre esperienze paranormali sono state raccontate dalla scrittrice di origine italiana Irene Granchi di Rio deRoberto Pinotti e Rino Di Stefano a Tucson Janeiro. A cornice di tutti questi avvenimenti più o meno attendibili, non sono mancate le dimostrazioni del soliti visionari in cerca di pubblicità a buon mercato. è il caso di certi personaggi del Centro America che sostengono di essere in stretti «rapporti spirituali» con presunte entità extraterrestri o di una bionda signora del Tennessee che pretende di essere nata sul pianeta Venere.
Qualcuno, seguendo la più nota delle tradizioni americane, pensa a far soldi. è il caso dell'International UFO Center di Orlando, in Florida, che per la modica cifra di 3,95 dollari (circa cinquemila lire) rilascia un certificato di «Avvistatore di UFO» per conto della «Federazione intergalattica del distretto delle Pleìadi». Per la stessa cifra si può acquistare anche un certificato di "Cadetto comandante spaziale» o di «Ambasciatore intergalattico». Se poi uno li vuole tutti e tre, se li può portare a casa per soli 7,99 dollari (poco più di novemila lire). Non ci crederete, ma c'è chi li compra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

Video correlati:

Pagine correlate:

 

Articolo precedenteIndiceArticolo successivo

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | YouTube | Instagram | Contatti

© 2001-2019 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul CopyrightInformativa sulla Privacy

Protected by Copyscape