Questo sito web utilizza cookie tecnici e analitici, utilizzando misure a NON identificare l'utente e per fornire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a utilizzare questo sito web senza modificare le impostazioni dei cookie, o cliccando su "Chiudi", permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni, leggere l'Informativa sulla Privacy.

Chiudi

DAL NOSTRO LETTORE SPECIALE

Recco svela
gli ultimi segreti
dei divi di Hollywood

di Rino Di Stefano

(Il Giornale, Martedì 1 Luglio 2008)

Accadde a Hollywood – Notizie, curiosità e anedotti dal mondo del cinemaLa storia d'amore tra Humphrey Bogart e Lauren Bacal iniziò sul set del film “To Have and Have Not” (“Avere e non avere”) del 1944. Durante le riprese del film, l'attrice disse la battuta : “Se mi vuoi, fammi un fischio”. Per dimostrarle il suo affetto, l'attore le regalò un fischietto d'oro sul quale fece incidere quella battuta firmandola “Bogie”, il nomignolo con cui era conosciuto nel mondo intero. E si sposarono. Lauren Bacal portò quel fischietto al collo per tutta la vita. Nel 1957, quando il marito morì di cancro e venne cremato, nell'urna dove posero le sue ceneri, l'attrice volle inserire un fischietto d'oro con la scritta: “Se hai bisogno di qualcosa, fammi un fischio”.
Questo piccolo spaccato di una storia d'amore eterna tra due star del cinema mondiale, appartiene al libro “Accadde a Hollywood – Notizie, curiosità e aneddoti del mondo del cinema” di Peter Hay, liberamente tradotto da Filippo Castelli e pubblicato dall'editrice Le Mani, Microart's Edizioni, di Recco. Infatti non tutte le case editrici liguri parlano di eventi inerenti la loro regione. È il caso di Le Mani, i cui ultimi libri spaziano dal cinema alla musica, affrontando temi che comunque appartengono all'immaginario collettivo, senza frontiera alcuna.
Le storie e storielle che si leggono in questo interessante volume, offrono uno spaccato assai singolare di quello che è stato, ed è tuttora, l'ambiente di Hollywood. Cinico, crudele, qualche volta divertente, ma sempre legato a doppia mandata al mondo del profitto, la fabbrica di mostri del cinema riesce sempre in qualche modo a stupire. È il caso di quanto accadde nel 1946 durante la ripresa del film “The Adventuress” (“Le Avventuriere”) nell'Isola di Man. Tutte le mattine l'intero cast veniva portato sul set da un autista del posto che guidava una vecchia automobile. Non appena si trovava nei pressi di un ponticello, l'uomo chiedeva a tutti di pronunciare un saluto di buon auspicio che, a suo avviso, doveva servire a tenere lontano le disgrazie. Era una specie di gioco cui soprattutto gli attori, notoriamente superstiziosi, si prestavano di buon grado. Ma Deborah Kerr un giorno si rifiutò. “È una sciocchezza – disse – non intendo farlo”. Sentendo quelle parole, l'autista bloccò subito la macchina e si rifiutò di passare sul ponte. Rimasero fermi per più di un'ora e nel frattempo cominciò a piovere di brutto. Il regista e il produttore pregarono allora la Kerr di rispettare la tradizione, altrimenti non si sarebbero mossi da lì. Alla fine, visto che la pioggia aumentava e potevano esserci dei problemi, la Kerr si convinse e pronunciò la frase di rito. Allora, come per incanto, le nuvole si diradarono, smise di piovere, tornò il sole e l'autista superò il ponticello.
Un altro aneddoto carino riguarda il famoso comico Groucho Marx. In abiti da lavoro e senza i soliti baffi finti, Marx stava falciando l'erba del suo giardino, quando si fermò una macchina lussuosa e da un finestrino una donna gli domandò: “Buon uomo, quanto prende per falciare l'erba?”. Il comico, senza pensarci due volte, le rispose: “La signora che vive in questa casa, la sera mi lascia andare a letto con lei”. La donna, inorridita, riavviò l'auto e se ne andò.
Ai limiti del paranormale è invece il racconto che Sir Alec Guiness fa nelle sue memorie “Blessings in Disguise” (“Benedizioni nel Mascheramento”, inteso nel senso di celare i sentimenti). Il grande attore, nominato baronetto da Sua Maestà Britannica, nell'autunno del 1955 volò a Los Angeles da Copenaghen per le riprese del suo primo filma americano, “The Swan” (“Il Cigno”), con Grace Kelly e Louis Jordan. Arrivò dopo 16 ore, stanco e affamato. Doveva incontrarsi con la scrittrice Thelma Moss, che voleva portarlo fuori a cena. Tuttavia, forse per l'ora tarda, non riuscirono a trovare un ristorante che li accogliesse. Alla fine approdarono in una trattoria italiana, ma anche lì non c'era più posto. Stavano per andarsene, quando un giovane in blue jeans li raggiunse offrendo loro di sedersi al suo tavolo. “Mi chiamo James Dean”, si presentò. E socializzarono. Alla fine della cena, colui che passerà alla storia del cinema come il simbolo della gioventù bruciata degli anni Cinquanta, li accompagnò nel parcheggio. Lì, avvolta nel cellophane e con un grande nastro, c'era una splendida auto sportiva color argento. “Mi è stata appena consegnata”, spiegò ai suoi ospiti. E aggiunse che era in grado di fare i 200 chilometri orari, in un paese che vietava di superare i 90 all'ora. A quel punto, forse per la stanchezza e comunque per un irresistibile desiderio di comunicare una sensazione, Alec Guiness si rivolse a Dean e gli disse: “La prego, non salga su quella macchina. Se lo farà, morirà entro la prossima settimana”. Il giovane si mise a ridere e gli rispose di non essere così tragico. Erano le 22 di venerdì 23 settembre 1955. Il venerdì successivo a quell'incontro, James Dean morì schiantandosi proprio su quell'auto ad una curva. Fu l'inizio di una leggenda e del rimorso che accompagnò Alec Guiness per tutta la vita.

“Accadde a Hollywood – Notizie, curiosità e anedotti dal mondo del cinema” di Peter Hay (Traduzione di Filippo Castelli), Le Mani – Microart's Edizioni, 2008, pp. 179, ISBN 9788880124900, €12,00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

PDF IconVersione di questo articolo in PDF (si può utilizzare Adobe® Reader®)

Recensione precedenteIndiceRecensione successiva

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | YouTube | Instagram | Contatti

© 2001-2019 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul CopyrightInformativa sulla Privacy

Protected by Copyscape