Questo sito web utilizza cookie tecnici e analitici, utilizzando misure a NON identificare l'utente e per fornire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a utilizzare questo sito web senza modificare le impostazioni dei cookie, o cliccando su "Chiudi", permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni, leggere l'Informativa sulla Privacy.

Chiudi

Le apocalittiche profezie
di Nostradamus

In libreria la seconda edizione del libro
“Codici Profetici” di Alfredo Benni

di Rino Di Stefano

(RinoDiStefano.com, Martedì 30 Agosto 2016)

Codici Profetici – Nostradamus confermato anche dai sensitiviQualunque sia il destino che ci aspetta, c’è da augurarsi che non corrisponda alle profezie di Nostradamus. Per rendersene conto, basta leggere la seconda edizione del libro di Alfredo Benni “Codici profetici – Nostradamus confermato anche dai sensitivi”, Edizioni FCOIAA, con prefazione di Roberto Pinotti. Premesso che questo volume costituisce un’analisi piuttosto approfondita del libro che ci ha lasciato il veggente di Saint-Rémy, l’Autore confronta le antiche profezie con quelle del tempo moderno, collocandole in un contesto spazio-temporale che ci permette di comprendere le conseguenze che avrebbero nel nostro mondo, se mai si verificassero. Il libro, dunque, non è solo una mera esposizione di ciò che Nostradamus scrisse, bensì il ritratto socio e geo politico di come il mondo verrebbe trasformato dalle catastrofiche visioni del medico francese. Benni affronta dunque tutta una serie di problemi attuali, portando il lettore a conoscenza di piani e progetti segreti che hanno come fine ultimo l’asservimento dell’umanità. Ad esempio, si parla del chip sottocutaneo per intercettare i segnali della corteccia cerebrale, tramite un’interfaccia neurale. Ed ecco che spunta anche il “Progetto cervello” USA, subito seguito dal “Progetto Cervello UE”. Il primo si chiama BRAIN, ed è un acronimo per Brain Research Through Advancing Innovative Neurotechnologies (Ricerche sul cervello attraverso innovative e avanzate neurotecnologie); il secondo ha già ricevuto uno stanziamento di 2 miliardi di euro per i prossimi dieci anni. Tutto questo, spiega Benni, è per trovare misure sempre più pressanti per controllare gli esseri umani. Cioè noi. Ma questi sistemi sono operativi anche in casa nostra, non solo all’estero. Un altro esempio sono due video messi in rete nel 2007 e nel 2008 dalla Casaleggio Associati, la testa pensante del Movimento Cinque Stelle. Nel primo, Prometeus, si parla di “dispositivi che replicano i cinque sensi”; nel secondo, Gaia, si preannuncia lo scoppio della Terza Guerra Mondiale, che durerà vent’anni. Il discorso viene poi ampliato nel capitolo successivo con un’analisi sociologica e geopolitica che prevede la distruzione della famiglia e dei valori tradizionali, l’invasione silenziosa e la perdita di identità, il Venus Project e il Piano Kalergi, con le tecniche di controllo e manipolazione sociale.
Molto interessante è il quinto capitolo, là dove si parla degli altri profeti: Stormberger, Cayce e Rol. Mathias Stormberger (1753-1820) era un semplice pastore i cui scritti vennero presi di mira dai nazisti in quanto annunciavano la caduta di Hitler. Nel 1934 i tedeschi bruciarono l’opera. Tra l’altro, Stormberger predisse l’avvento della Prima Guerra Mondiale, della Seconda e anche di una Terza, che sarebbe scoppiata tra il 2015 e il 2030.
Edgar Cayce (1877-1945) era invece un uomo molto religioso, nativo del Kentuky. Lo chiamavano “il profeta dormiente”, in quanto raccontava le sue profezie in uno stato catalettico profondo. Tra le altre cose, Cayce predisse l’avvento dell’era tecnologica, la morte di John Kennedy, la Seconda Guerra Mondiale e anche la Terza. Singolare è il fatto che a determinare questo nuovo apocalittico scontro bellico sarebbero conflitti scoppiati in Libia, Egitto, Turchia e Siria. Disse, inoltre, che avverranno tre scoperte archeologiche molto importanti, di natura molto antica, che rivoluzioneranno il modo di come abbiamo concepito fino ad ora le origini umane, la cosmologia e la religione.
Alfredo BenniMa il più interessante di tutti è senza dubbio Gustavo Rol (1903-1994). Di Rol si è scritto moltissimo. Benestante, coltissimo, tre lauree: era apprezzato e stimato da tutti coloro che lo avevano conosciuto. Da tutti, ma non dal Cicap, che inviò un allora giovane Piero Angela a intervistarlo. Rol raccontò che Angela, seduto a tre metri da lui, gli domandò se era vero che fosse in grado di leggere libri a distanza. Rol disse di sì. Allora Angela chiamò un suo amico a Boston e lo invitò a prendere un libro dalla sua biblioteca, invitando poi Rol a leggerlo. E lui lo fece, confermando il testo parola per parola all’americano al telefono. Ma il resoconto di Angela, spiega Benni, pare che non fosse esattamente fedele. Per cui nel 1986 Rol, in riferimento a quell’episodio e all’intervista concessa ad Angela, disse: “Ha mentito su quanto mi ha veduto fare, nel modo che l’ha veduto fare e su quanto mi ha sentito dire”. Forse, però, polemiche a parte, fa pensare ciò che Rol disse ad un suo amico nel 1991: “Nel 2020 in Italia vi saranno il 60% di persone di colore e il 40% di bianchi”. A quel tempo, tra l’altro, non si parlava ancora dell’invasione selvaggia e incontrollata da parte dei nordafricani in Italia.
Dopo tutte queste interessanti premesse, Benni passa dunque all’analisi delle centurie di Nostradamus. Come è noto, le famose quartine non sono in ordine cronologico e non hanno un significato esplicito. Per cui, di fatto, ognuno può credere di trovare ciò che vuole. Curioso, tanto per citare uno di questi passi, è quando nella Centuria 6 Nostradamus parla dell’avvento di Ogmios, una divinità celtica associata dai Galli ad Ercole. Ogmios sarà colui che combatterà l’Anticristo e restituirà l’onore all’Occidente. Ebbene, secondo calcoli da provare e verificare (l’Autore ammette di non averli fatti), nella Centuria ci sarebbe scritto che Ogmios sarebbe nato il 7 ottobre del 1952. E chi è nato proprio quel giorno? La risposta è Vladimir Putin. Una bella stranezza, se fosse vera.
Insomma, il libro di Benni, pur complesso e un po’ caotico con la sua massa di notizie e informazioni, è quanto mai ricco e avvincente. Per chi è interessato a questi argomenti, e per chi li vuole approfondire, un volume tutto da leggere.

“Codici Profetici – Nostradamus confermato anche dai sensitivi” di Alfredo Benni, Prefazione di Roberto Pinotti, Edizioni FCOIAA, 2ª Edizione, 2015, pp. 337, ISBN 9788894066081, €19,00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

Recensione precedenteIndiceRecensione successiva

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | YouTube | Instagram | Contatti

© 2001-2019 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul CopyrightInformativa sulla Privacy

Protected by Copyscape