Questo sito web utilizza cookie tecnici e analitici, utilizzando misure a NON identificare l'utente e per fornire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a utilizzare questo sito web senza modificare le impostazioni dei cookie, o cliccando su "Chiudi", permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni, leggere l'Informativa sulla Privacy.

Chiudi

DAL NOSTRO LETTORE SPECIALE

Un triangolo per l’agente immobiliare

di Rino Di Stefano

(Il Giornale, Sabato 6 Dicembre 2008)

CentogiorniLei, lui, l'altro. È la storia di un triangolo amoroso, in tutti i suoi risvolti possibili, ciò che Massimo Lazzari, scrittore esordiente dalle profonde introspezioni psicologiche, ci propone nel suo primo romanzo “Centogiorni”, pubblicato da Gammarò Editori di Sestri Levante. È molto probabile che saranno in molti ad identificarsi con gli anonimi protagonisti di questo libro. Perché Lazzari, per precisa scelta letteraria, non dà un nome ad alcuno dei personaggi che rendono viva, e forse fin troppo vera, la storia su cui ha costruito il suo racconto. Di per sé, la trama è semplice. Fin dalle prime pagine ci troviamo nella casa di una qualunque coppia di persone sposate. Lui è un uomo tranquillo, ama il suo lavoro e vede come obiettivo della vita il benessere e l'affetto della sua famiglia. Nel caso specifico della sua bella moglie. Bella sì, ma anche insoddisfatta. Perché la signora in questione non riesce ad accontentarsi di un marito che l'adora, di una vita agiata e di una casa immersa nel verde. Quell'ambiente la opprime, anche se non se ne rende conto appieno. Cerca quindi la via di fuga, l'avventura, la passione. E la trova quando, casualmente, una coppia di conoscenti viene invitata a pranzo dal marito. L'uomo che le si para davanti è un militare, alto e attraente. E poco importa se è sposato. Lei lo vuole. Comincia così il solito eterno gioco del corteggiamento nascosto, dei sotterfugi, dei baci rubati, del tradimento. Anche perché l'oggetto del desiderio della signora, pur amando la moglie, sente che quella è un'occasione da non lasciarsi scappare.
Lazzari è bravissimo a ricostruire i pensieri, i desideri e le angosce più profonde che turbano i suoi personaggi. Questo, infatti, è un romanzo dove il vero protagonista principale è il pensiero, non ciò che viene detto. Lei scatena tutte le sue voglie represse, tutto il suo desiderio di evasione dalla realtà quotidiana, cercando di conquistare l'uomo dei suoi sogni. E lui, che capisce fino a che punto può spingersi con lei, si lascia andare alle schermaglie della seduzione, accantonando in un angolo della sua mente la pur adorata mogliettina, inconsapevole della passione che travolge il consorte. E così assistiamo a sfrenate scene di sesso tra i due amanti fedifraghi, che si lasciano completamente andare all'amore, senza porsi alcun limite. Anche se, come lo stesso Lazzari si domanda descrivendo le acrobatiche prestazioni dei due, non si capisce se facciano sesso per sesso, o sesso per amore. Forse, si risponde l'autore, non è possibile amore senza sesso o sesso senza amore.
Fatto sta che il marito di lei, per quanto tranquillo, non è uno stupido. E un bel giorno la mette garbatamente alla porta, dicendole che in quella casa non dovrà più tornare.
A quel punto la signora comincia a fare i conti con la realtà. Il suo amante, infatti, ama godere delle sue grazie, ma a lasciare la moglie non ci pensa neppure. L'antico concetto del “tengo famiglia” supera la soddisfazione sessuale che l'amante, con tanta generosità, gli regala. Ma lui è un militare, un ufficiale che deve tenere al pubblico decoro, a parte le battaglie clandestine che combatte a letto. Come quando, approfittando dell'assenza della moglie, si era portato a casa l'amante impegnandosi con lei in un memorabile corpo a corpo stoppato, loro malgrado, dall'anticipato arrivo della consorte che, pensate un po', aveva la pretesa di rientrare nella propria casa perché fuori faceva freddo.
Insomma, la signora in cerca di avventure, scopre che la passione è una cosa, la vita reale un'altra. E così rimedia un tetto provvisorio presso un amico che, tra l'altro, vorrebbe anche lui diventarle un po' più intimo, ma non lo fa proprio per la lunga amicizia che li lega da anni. Insomma, manca il gusto della novità improvvisa, della spinta verso il proibito.
In tutto questo, Massimo Lazzari, che tra l'altro di professione fa l'agente immobiliare, dimostra un acume non indifferente nel mettere a nudo i pensieri più nascosti dei protagonisti. E nel farlo, consciamente o inconsciamente, è come se facesse l'occhiolino al lettore, quasi a voler dire: “Anche tu ti sei trovato in situazioni come queste, non è vero?”. Che ciò sia vero o meno, è difficile da dirsi. Certo è che l'autore fa parlare ben poco i suoi personaggi. Tutti presi come sono a pensare al comportamento da tenere per evitare danni, a come districarsi nelle ardue situazioni interpersonali in cui si ritrovano a navigare, la parola, come espressione verbale, viene relegata in secondo piano. Ognuno è troppo preso a riflettere sul come cavarsela, sulle decisioni da prendere e sul godersi i piaceri della vita sessuale senza pagarne il dazio, per perdere tempo in troppi discorsi. Anche se, alla fine, i nodi vengono al pettine e si scopre, come sempre, che la passione impone spesso un prezzo assai salato. Un prezzo che, volenti o nolenti, poi si deve pagare.

“Centogiorni” di Massimo Lazzari, Gammarò Editori, 2008, pp. 183, ISBN 9788895010427, €14,00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

Recensione precedenteIndiceRecensione successiva

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | YouTube | Instagram | Contatti

© 2001-2019 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul CopyrightInformativa sulla Privacy

Protected by Copyscape