Questo sito web utilizza cookie tecnici per soli fini statistici, utilizzando misure a NON identificare l'utente e per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito web senza modificare le impostazioni dei cookie, o cliccando su "Chiudi", permetti il loro utilizzo.

Chiudi

OLTRE L’ORIZZONTE

Dal passato al futuro nell’avventura politica
di Claudio Scajola

(2006)

di Rino Di Stefano

Change Language / Cambia Lingua: English - Italiano

Oltre l'Orizzonte - Dal passato al futuro nell'avventura politica di Claudio ScajolaQuando l'editore Gianfranco De Ferrari mi ha proposto di scrivere un libro sull'on. Claudio Scajola, lì per lì sono rimasto un po' perplesso. Scajola non è un personaggio comune. La prima considerazione che mi venne in mente è che stavamo parlando dell'uomo politico più importante della Liguria di inizio secolo, una personalità politica di rilievo nazionale e internazionale, ma soprattutto un punto di riferimento per i moderati che si riconoscono nel partito di Forza Italia. Inoltre, un uomo di carattere le cui vicissitudini politiche hanno riempito le cronache dei giornali per anni.
In effetti, il libro fa parte della Collana Controtempo, interamente dedicata ai personaggi illustri del mondo contemporaneo. Tra le altre, vi figurano anche le biografie dell'ex sindaco e magistrato Adriano Sansa, dell'ex sindaco e uomo politico Leoluca Orlando, del "prete da marciapiede" Don Gallo, del campionissimo Fausto Coppi, della "signora della solidarietà" Bianca Costa e del cardinale Tarcisio Bertone.
Di Scajola, e soprattutto di certi suoi errori, si è scritto moltissimo. Nell'agone politico, i suoi avversari hanno avuto buon gioco a parlar male di lui in merito a certe vicissitudini in cui, a volte per eccesso di fiducia, si è trovato suo malgrado. E ha sempre pagato in prima persona i suoi errori senza chiedere sconti a nessuno. I libri che lo attaccano, scritti spesso per strizzare l'occhio alla sinistra, sono numerosi quanto scontati nelle loro argomentazioni.
Insomma, per me scrivere di lui raccontando quello che il personaggio in realtà è, con i suoi pregi e i suoi difetti, non sarebbe stata un'impresa facile. Eppure, non fosse altro che per il piacere della sfida, ho accettato l'incarico a patto che fossi completamente libero di organizzarmi come volevo e di scegliermi in assoluta indipendenza la scaletta degli argomenti da trattare. E così per oltre un anno ho speso tutto il mio tempo libero a studiarmi l'uomo, il politico e tutto quello che ha fatto nel corso della sua vita dall'inizio fino ad oggi. Più che dall'inizio, però, direi anche prima. Nel senso che la storia di Claudio Scajola non può prescindere da quella di suo padre Ferdinando, esiliato a Imperia dai fascisti e primo sindaco democristiano del Dopoguerra, così come dal percorso politico del suo fratello maggiore, Alessandro, a sua volta sindaco di Imperia per due mandati e quindi parlamentare della Dc per due legislature.
Ma in quale contesto possiamo collocare la storia di Claudio Scajola? Per comprendere il personaggio di cui stiamo parlando, è bene fare una piccola premessa di carattere generale.
Erano diversi anni che l'Italia non affrontava un periodo così difficile. Nel corso dei cinque anni (2001-2006) del primo governo di centrodestra, una serie di trasformazioni economiche internazionali senza precedenti ha ridotto al lumicino le potenzialità del Paese. Prima di tutto c'è stata la rivoluzione dell'euro. Il passaggio dalle vecchie monete locali alla nuova valuta è stato senza conseguenze per la quasi totalità delle nazioni europee, ad eccezione di due: la Grecia e l'Italia. In questi due paesi, ma soprattutto nel nostro, un liberismo assolutamente mal interpretato ha dato l'avvio a speculazioni di ogni genere che nel corso di un paio d'anni hanno fatto raddoppiare i prezzi. Beni decisamente più cari, quindi, ma conRino Di Stefano con l'On. Claudio Scajola salari e pensioni allo stesso valore precedente. Come qualcuno ha fatto notare, si è pagati in lire ma si spende in euro… Per cui ben presto il caro vita ha provocato situazioni insostenibili che spesso sono degenerate nella creazione di una nuova sacca di povertà e di un malcontento assai diffuso.
è stato soprattutto a causa di questa degenerazione monetaria, accompagnata da un debito pubblico alle stelle e una crescita economica pari a zero, che nell'aprile 2006, quando gli italiani sono tornati alle urne per eleggere il nuovo governo, il centrodestra non è riuscito a ripetere l'exploit del 2001, quando riuscì a conquistare una larga maggioranza sia alla Camera che al Senato. Questa volta, per uno scarto di poco inferiore ai 25 mila voti (e quindi praticamente in condizioni di parità), l'Unione di Romano Prodi riuscì a dare scacco al governo Berlusconi aggiudicandosi la vittoria.

Una delle personalità più illustri del governo di centrodestra era senza dubbio il ministro delle Attività produttive, On. Claudio Scajola. Nato a Imperia nel 1948, sposato e padre di due ragazzi, laureato in Giurisprudenza, ex sindaco Dc della sua città e riconosciuto ottimo amministratore da amici e nemici, Scajola è salito più volte alla ribalta della cronaca per la sua avventurosa vita politica.
L'aggettivo non è affatto esagerato. Mentre era sindaco di Imperia, nei primi anni Ottanta, scoppiò uno dei tanti scandali che periodicamente colpiscono il casinò di Sanremo. Lui non c'entrava assolutamente nulla con quella storia, ma venne inquisito, arrestato e costretto a passare 71 giorni nel carcere milanese di San Vittore, prima di poter tornare a casa.
Chiunque altro avrebbe continuato a ricoprire l'incarico di sindaco in attesa che la sua posizione giudiziaria si chiarisse del tutto, ma non lui. Non poteva sopportare l'idea di essere ingiustamente accusato di qualcosa che non aveva fatto. E così diede le dimissioni e si ritirò a vita privata. La giustizia ci mise cinque anni per riconoscere il proprio errore e solo nel 1990 gli stessi giudici che avevano condotto l'inchiesta chiesero il L'autore mentre presenta il libro. Alla sua destra il dottor Giovanni Novi, Don Gianni Baget Bozzo, l'ingegner Davide Viziano, l'On. Prof. Bruno Orsini, il prof. Piergiorgio Alberti e il dottor Giovanni Berneschiproscioglimento di Claudio Scajola da ogni accusa sostenendo che "il fatto non sussiste". E fu soltanto allora che Scajola tornò a far politica, si ripresentò alle amministrative, vinse e fu di nuovo sindaco.
La svolta venne nel 2000 quando, chiamato da Silvio Berlusconi a riorganizzare Forza Italia, fece diventare il partito quella "macchina da guerra" che l'anno successivo si guadagnò il favore degli italiani e portò alla creazione del primo governo di centrodestra del nuovo secolo.
Claudio Scajola divenne così Ministro dell'Interno, un incarico con cui dovette affrontare le conseguenze globali dell'attentato alle Twin Towers di New York e uno degli impegni più onerosi sul piano internazionale per il nuovo Governo: il G8 di Genova. Sappiamo tutti come andarono le cose dal 20 al 22 luglio del 2001 ,quando migliaia di no global organizzati devastarono il capoluogo ligure in una razionale follia distruttiva che solo a stento venne frenata dalle forze dell'ordine. In effetti, il Governo si adoperò per venire incontro alle esigenze dei contestatori pacifici, ma ben poco si venne a sapere di quelle iniziative. E tutto comunque degenerò quando un ragazzo, Carlo Giuliani, venne accidentalmente ucciso da un carabiniere che si trovava a bordo di una camionetta presa d'assalto dai dimostranti in piazza Alimonda.
Il coro di accuse che travolse il ministro Scajola e il governo Berlusconi fu davvero interminabile. Quasi quasi sembrava che in quella drammatica circostanza fossero state le forze dell'ordine ad attaccare i dimostranti e non il contrario.
Anche quando i riflettori si spensero sul G8, lasciando strascichi giudiziari che sono ancora in essere nei riguardi di poliziotti accusati di violenze nella scuola Pertini di Genova, un'altra tegola cadeva sul ministro Scajola: il caso Biagi.
In sintesi, si trattava delle richieste presentate dal professor Marco Biagi per godere di scorte di polizia. Biagi, giuslavorista e docente presso l'Università di Modena, collaborava con il governo Berlusconi per il quale stava mettendo a punto una riforma del mercato del lavoro.L'On. Claudio Scajola e la sua signora, professoressa Maria Teresa Verda
Il professore, memore di quanto era accaduto prima di lui ad altri docenti che avevano collaborato con il governo, temeva per la propria vita a causa di minacce ricevute dai terroristi delle Brigate Rosse. Proprio in quei giorni, però, il ministro Scajola stava studiando una razionalizzazione del servizio scorte, visto che in tutta Italia circa 3000 persone usufruivano di questo servizio a vario titolo. Anche se quelle ufficialmente comunicate al ministero non erano più di 300.
Insomma, i Comitati provinciali per la sicurezza cominciarono a prendere in esame tutti i casi e nessuno di loro volle rinnovare le scorte al professor Biagi durante i suoi spostamenti in Italia. Queste decisioni nulla avevano a che fare direttamente con il ministro, il quale ne era di fatto estraneo. Ma quando il professor Biagi venne davvero ucciso dalle Brigate Rosse nel corso di un agguato sotto casa a Bologna, tutta la stampa se la prese subito con Scajola.
Sembrava che la protesta ad un certo punto rientrasse, se non ché durante una cena a Cipro, in presenza di due giornalisti, Scajola si lasciò scappare un'espressione infelice sul docente ucciso e l'effetto fu disastroso. Più tardi il ministro cercò di spiegare il perché della sua gaffe, dovuta più che altro al gergo colloquiale di quel preciso momento, ma era troppo tardi. E così preferì presentare le sue dimissioni.
Successivamente Scajola tornò al Governo con l'incarico di ministro per l'Attuazione del Programma e ministro per le Attività produttive. Incarico, questo, che mantenne fino al maggio del 2006 quando il governo Berlusconi dovette cedere il testimone alla compagine di Romano Prodi.
Ed è proprio tutta la storia di Claudio Scajola, e di riflesso quella del centrodestra italiano rilanciato da Silvio Berlusconi, che affronta il libro "Oltre l'orizzonte, dal passato al futuro nell'avventura politica di Claudio Scajola", pubblicato nel settembre del 2006 dall'editore De Ferrari di Genova. In pratica un saggio tra cronaca e storia (con prefazione di Gianni Baget Bozzo, che ringrazio per questo), che ha la presunzione di raccontare come sono andate realmente le vicende di Claudio Scajola nel corso della sua lunga avventura politica.
Il pubblico presente in sala. In prima fila si riconoscono Sandro Biasotti, l'On. Gabriella Mondello, l'On. Giorgio Bornacin e il prefetto di Genova, S. E. dottor Giuseppe RomanoUn'avventura comunque ben lungi dall'essere terminata in quanto non solo Scajola è stato rieletto in Parlamento e nel luglio successivo è stato nominato (all'unanimità da maggioranza e opposizione) presidente della Commissione parlamentare per il controllo sui servizi segreti (Copaco), ma egli stesso è diventato un punto di riferimento per l'ala moderata di Forza Italia che si contrappone a quella più aziendalista di Marcello Dell'Utri. è presto per dire chi vincerà la tenzone, ma è significativo che lo sforzo politico del parlamentare ligure sia già indirizzato, appunto, oltre l'orizzonte. Oltre, cioè, l'attuale situazione intricata che vede centrosinistra e centrodestra l'uno contro l'altro, praticamente allo stesso livello. Lo sforzo del libro è proprio quello di spiegare la situazione affinché ogni lettore possa valutare ed arrivare alle proprie conclusioni. Del resto il futuro, anche a breve, ci offrirà numerosi spunti per discutere e ragionare su quanto potrà accadere nel nostro Paese.

Il libro è stato presentato lunedì 20 novembre 2006 alle 18, presso Villa Spinola (via Corridoni, 5) di Genova e i relatori, insieme a me, erano il professor Piergiorgio Alberti, docente dell'Università di Genova; il dottor Giovanni Berneschi, presidente della Banca Carige; il politologo Don Gianni Baget Bozzo; il professor Giovanni Novi, presidente dell'Autorità Portuale di Genova; il professor Bruno Orsini, ex parlamentare ed ex Sottosegretario alla Sanità; l'ingegner Davide Viziano, presidente del Gruppo Viziano. Ha inoltre partecipato lo stesso onorevole Claudio Scajola, presidente del Copaco. A moderare l'incontro è stato il giornalista Mario Paternostro, direttore della rete televisiva Primocanale.

Dopo le elezioni politiche dell'aprile 2008, stravinte dal centrodestra, l'On. Claudio Scajola è stato fino al 4 maggio 2010 Ministro dello Sviluppo Economico nel Governo formato da Silvio Berlusconi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

Dettagli del libro:

Copertina flessibile: 288 pagine
Editore: De Ferrari
Collana: Controtempo
Data di pubblicazione: Giugno 2006
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8871727339
ISBN-13:
9788871727332
Prezzo: €16.00

PDF IconPRIMO CAPITOLO DEL LIBRO (si può utilizzare Adobe® Reader®)

Recensioni:


Rassegna Stampa

Data: Venerdì 27 Ottobre 2006, 16:23

L'AVVENTURA POLITICA DI CLAUDIO SCAJOLA
IN UN LIBRO (NOTIZIARIO LIBRI)

(ANSA) - GENOVA, 27 OTT - 'Oltre l'orizzonte - Dal passato al futuro nell'avventura politica di Claudio Scajola' è il nuovo volume scritto dal giornalista Rino Di Stefano, pubblicato da De Ferrari Editore, di Genova, per la collana Controtempo (286 pagine, 16 Euro) che ripercorre le tappe della carriera dell'esponente politico ligure.
Da sindaco di Imperia a tre volte ministro della Repubblica, da mente organizzatrice di Forza Italia all'attuale presidenza del Comitato Parlamentare di Controllo sui Servizi Segreti: è il percorso intercalato da periodi difficili come il carcere ingiusto, le polemiche sul G8 di Genova e il caso Biagi, che ha contraddistinto la vita pubblica dell'onorevole Claudio Scajola.
Il libro di Di Stefano racconta passo passo tutti gli eventi della vita pubblica dell'onorevole Scajola fino ad oggi, tracciando uno spaccato della società italiana di questi anni e conclude prospettando il suo impegno per il futuro, quale punto di riferimento dei moderati di Forza Italia.
Rino Di Stefano, attualmente caposervizio presso la redazione genovese del quotidiano nazionale «Il Giornale», ha già pubblicato per i tipi della De Ferrari «Soluzione Virale» e «Mia cara Marion - Dal carcere alla Repubblica: gli anni bui di Sandro Pertini nelle lettere alla sorella».(ANSA). AN/LOR
27-OTT-06 16:23 NNN

© ANSA


 

Indice

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | Google+ | YouTube | Contatti

© 2001-2017 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul Copyright

Protected by Copyscape