Questo sito web utilizza cookie tecnici e analitici, utilizzando misure a NON identificare l'utente e per fornire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a utilizzare questo sito web senza modificare le impostazioni dei cookie, o cliccando su "Chiudi", permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni, leggere l'Informativa sulla Privacy.

Chiudi

Tutte le coincidenze del destino

di Rino Di Stefano

Change Language / Cambia Lingua: English - Italiano

(Il Giornale, Lunedì 27 Agosto 2001)

Illustrazione medievale raffigurante un uomo che si fa predire il destino da una cartomante

François-Marie Arouet, detto Voltaire, era solito dire che il caso non esiste. Tutto ciò che accade, affermava il celebre filosofo parigino, ha una sua ragion d'essere. Forse gli uomini non sempre la capiscono, ma si può star certi che tutti facciamo parte di un unico disegno che corrisponde comunque ad una logica superiore. Sta solo a noi, con il nostro libero arbitrio, intervenire per modificare quelle che sembrano le direttive del destino. Un punto di vista scontato per uno dei padri dell'illuminismo che si sforzava di spiegare la realtà con il dono dell'intelletto invece che con i dogmi religiosi o tramite pretenziose superstizioni magiche.

Dal Settecento a oggi la cultura scientifica ha fatto passi da gigante e ai nostri giorni quasi nessuno si sogna di considerare il vissuto quotidiano come qualcosa di immodificabile piovuto dall'alto. La realtà, per quanto sfaccettata, va compresa e spiegata in termini razionali. Il problema, caso mai, nasce quando, pur con tutta la buona volontà di questo mondo, non si riesce a dare una spiegazione logica agli eventi che ci circondano. Ne sa qualcosa Ken Anderson, un giornalista australiano che ha speso alcuni anni della sua vita a raccogliere documentazione su un gran numero di vicende strane ma vere accadute in diversi paesi.
Quest'insieme di episodi costituisce il contenuto del volume "Coincidences, chance or fate?" (Coincidenze, caso o destino?) edito dalla Blandford Book di Londra. Il libro, che non è ancora stato tradotto in italiano, elenca tutta una serie di coincidenze tratte rigorosamente dalla vita reale, con nomi e cognomi dei protagonisti. Gli esempi sono innumerevoli.

 

La premonizione del Titanic

La partenza del TitanicNel 1892 lo scrittore W.T. Stead pubblicò un racconto su una grossa nave passeggeri a vapore, vanto dell'epoca per le sue caratteristiche tecnologiche, che in pieno Atlantico affondava dopo essersi scontrata con un grosso iceberg. I pochi passeggeri superstiti venivano salvati dalla nave Majestic della White Star Liner, un'unità che al tempo esisteva davvero e che era comandata dal capitano Edward Smith, più tardi capitano del Titanic. Ridendo della sua stessa premonizione, Stead volle imbarcarsi sul Titanic per il viaggio inaugurale verso New York e, ironia del destino, fu proprio tra le vittime del naufragio che avvenne il 14 aprile del 1912 quando lo scafo della grande nave venne squarciato dall'iceberg.

 

 

 

Il ragazzo divorato

Edgard Allan PoeMa questo non è l'unico caso di note coincidenze letterarie.
Nel 1838 Edgar Allan Poe scrisse una novella dal titolo "Il racconto di Arthur Gordon Pym di Nantucket" nella quale si parlava di alcuni marinai che riuscivano a salvarsi dal naufragio della loro nave a bordo di una scialuppa di salvataggio. Il più giovane di questi marinai, Richard Parker, ad un certo punto morì e gli altri, per sopravvivere, ne mangiarono il corpo. Fin qui la fantasia creativa di Poe. Il 28 ottobre del 1884, 46 anni dopo, "The Times" riportava la notizia del naufragio della nave Mignonette, durante il quale quattro marinai riuscirono a salvarsi su una scialuppa. Il più giovane di loro morì e gli altri tre se ne cibarono. Il uso nome era Richard Parker.

 

 

Un proiettile predestinato

Restiamo nell'Ottocento per parlare di una strana storia che accadde nel 1893 a Henry Ziegland di Honey Grove, una cittadina del Texas. Ziegland, che era fidanzato con una ragazza del posto, litigò e ruppe il fidanzamento. Per difendere l'onore della sorella, piantata su due piedi, il fratello si appostò nei pressi della casa di Ziegland e gli sparò contro mentre questi lavorava in giardino. Colpito di striscio alla testa, l'uomo cadde a terra svenuto e il proiettile si conficcò nel tronco di un albero. Il feritore, credendo di averlo ucciso, si sparò a sua volta e morì all'istante. Vent'anni dopo, nel 1913, Ziegland decise di ampliare la casa e per farlo aveva bisogno di abbattere quell'albero. Per toglierlo del tutto usò alcuni candelotti di dinamite che, scoppiando, squarciarono il tronco lanciando quel proiettile che vi era incastrato da ormai due decenni. Il piccolo cilindretto di piombo centrò in piena testa Henry Ziegland che morì sul colpo.

 

La bara navigante

Le cronache degli Stati Uniti sono piene di episodi insoliti.
Nel 1899 il celebre attore canadese Charles Coghlan morì per un attacco di cuore mentre stava recitando nel teatro di Galveston, in Texas, durante una tournée. L'attore venne quindi seppellito in un sepolcro all'interno del locale cimitero. Nel settembre del 1900, a meno di un anno dall'inumazione, un forte uragano si abbattè sulla città di Galveston e il cimitero fu una delle zone più colpite da una tremenda alluvione che scoperchiò il sepolcro trascinando la bara nel vicino fiume e, quindi, nel Golfo del Messico. Guidata dalla corrente del golfo, la bara circumnavigò l'intera Florida e venne spinta verso nord senza che nessuno avesse modo di avvistarla. Fu in un giorno del 1908 che alcuni pescatori della Prince Edward Island, l'isola natia di Coghlan, in Canada, finalmente videro tra i flutti quell'incredibile "imbarcazione". Tirata a secco, grande fu la loro sorpresa quando lessero sulla bara il nome del loro famoso attore inciso su una piastrina di ottone. La bara, dunque, aveva navigato per 5.600 chilometri per "tornare" a casa. Gli isolani inumarono Charles Coghlan nel giardino della stessa chiesa dove era stato battezzato e dove ancora oggi riposa.

 

La tragica fine del “gemello” di Umberto I

Umberto IUna singolare coincidenza storica è accaduta anche in Italia.
Il 28 luglio del 1900, durante una sua visita a Monza, al re Umberto I venne presentato un ristoratore che gli somigliava come una goccia d'acqua. Parlandogli, il monarca scoprì che entrambi erano nati nella stessa data e alla stessa ora.
Entrambi avevano sposato una donna che si chiamava Margherita e entrambi avevano un figlio di nome Vittorio. Inoltre, sempre per puro caso, l'uomo aveva aperto il suo ristorante il giorno stesso in cui Umberto I salì al trono. Il re fu divertito da tutta quella serie di coincidenze e, lasciando il suo "gemello", gli disse che avrebbe voluto rivederlo. Ma non fu possibile. L'indomani, pulendo la sua pistola, il ristoratore lasciò partire un colpo che, rimbalzando, lo prese in pieno ferendolo mortalmente. La notizia arrivò ovviamente alla polizia che la comunicò subito al monarca. Re Umberto fu molto scosso dall'incidente e chiese, tra un impegno e l'altro, di essere condotto nel ristorante per porgere le sue condoglianze alla vedova. Ma neanche quello fu possibile. Alle 22.25 del 29 luglio 1900, mentre transitava per le strade di Monza con la sua carrozza aperta, re Umberto I venne colpito a morte dal colpo di pistola dell'anarchico Gaetano Bresci.

 

 

Il caso delle due Wanda

Davvero singolare è la storia raccontata dal "The Whashington Post" nell'articolo intitolato "Il caso delle due Wanda". Wanda Marie Johnson vive a Adelphi, nella Prince Georges County, e lavora come addetta ai bagagli nella Union Station di Washington, DC. Una seconda Wanda Marie Johnson vive invece a Suitland, nel Maryland, anche lei nella Prince Georges County, e lavora come infermiera al District of Colombia General Hospital di Washington. Entrambe le Wanda sono nate il 15 giugno 1953, erano state residenti del District of Colombia, sono madri di due bambini e possiedono una Ford Granada del 1977 a due porte, dello stesso colore. Non solo. I primi undici numeri di matricola delle loro vetture sono identici, solo gli ultimi tre differiscono. Persino il numerso della loro patente di guida del Maryland è lo stesso in quanto riferito alla data di nascita. Il risultato è stato che quando la prima Wanda ha dovuto servirsi dell'Howard University Hospital, dove andava anche l'altra, sono cominciati i guai. Le cartelle cliniche delle due infatti sono state confuse e c'è voluto del bello e del buono per far capire ai sanitari che in effetti in quell'ospedale c'erano due Wanda Marie Johnson. Inoltre la prima Wanda era stata citata per non aver pagato alcuni mobili che la seconda aveva acquistato. E nessuno le voleva credere.
Alla fine la storia è venuta a galla e la verità è stata ristabilita.

 

Il diamante nello stomaco del pesce

Tra le tante coincidenze che Anderson ci presenta c'è anche quella avvenuta nell'estate del 1979 in Norvegia, ripresa dai quotidiani locali. Il quindicenne Robert Johansen pescando in un fiordo ha catturato un bel merluzzo di cinque chili che orgogliosamente ha portato alla nonna Thekla Aanen per pranzo.
Si può immaginare lo stupore e la commozione della donna quando, pulendo il pesce, ha trovato nello stomaco un anello di diamante che lei stessa aveva perso pescando in un fiordo dieci anni prima. Quel gioiello era un ricordo di famiglia che le donne si tramandavano di generazione in generazione e, alla fine, era tornato a casa.

 

La tomba del co-pilota

Uno Spitfire inglese della seconda guerra mondialeAnche nella vicina Inghilterra non mancano le storie bizzarre.Quella sera il capitano dell'aviazione brittanica Robert Tyler non aveva voglia di tornare subito a casa. Appena uscito da un pub, cominciò a passeggiare per le strade deserte di un quartiere londinese godendosi la frescura dell'aria notturna.
Vagando senza meta, ad un certo punto si ritrovò vicino ad una chiesa dove c'era un piccolo cimitero. Quasi senza accorgesene entrò e, senza sapersi spiegare il perché, prese a gironzolare fra le tombe. Improvvisamente una lapide colpì la sua attenzione. Sopra c'era scritto : "Tenente Robert Tyler, RAF, caduto pilotando uno Spitfire nella Battaglia d'Inghilterra, 15 Settembre 1940". Il capitano Tyler rabbrividì : non solo quell'ufficiale aveva il suo stesso nome, ma il 15 settembre 1940 era la data della sua nascita.

 

Una morte annunciata

Un'illustrazione del trattato De Sphaera del 1400 che rappresenta il moto diurno del sole e la sua domificazione in leoneQualche volta le coincidenze sono tanto strane da apparire come precognizioni di qualcosa che sta per avvenire. Ne sa qualcosa un'insegnante di lettere di una High School australiana che nell'ottobre del 1992 trovò su un quaderno della diciottenne Lisa Gannan, di solito una ragazza molto allegra e spensierata, la seguente poesia:

Non state davanti alla mia tomba a piangere,
Non sono qui, Non sto dormendo,
Io sono la stella dell'oscuro cielo notturno.
Non state vicino alla mia tomba a piangere,
Non sono qui, non sono morta.

La giovane non riuscì a spiegare perché avesse scritto quella triste poesia. Disse che le era venuta un'ispirazione, tutto qui. Ma meno di due settimane dopo Lisa Gannan, la sorella Kerry e il padre Tom furono trucidati a colpi di pistola da un pazzo. Premonizione o coincidenza?

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

(Illustrazioni tratte da "Dimensione X", Edipem 1981)

Articolo precedenteIndiceArticolo successivo

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | YouTube | Instagram | Contatti

© 2001-2019 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul CopyrightInformativa sulla Privacy

Protected by Copyscape