Questo sito web utilizza cookie tecnici e analitici, utilizzando misure a NON identificare l'utente e per fornire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a utilizzare questo sito web senza modificare le impostazioni dei cookie, o cliccando su "Chiudi", permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni, leggere l'Informativa sulla Privacy.

Chiudi

DAL NOSTRO LETTORE SPECIALE

Basta alle calunnie
sull'«insetto» Cristoforo Colombo

di Rino Di Stefano

(Il Giornale, Martedì 3 Giugno 2008)

Un insetto che sferza il ventoAdesso basta! È ora di smetterla di definire Cristoforo Colombo un pirata, un avventuriero senza scrupoli, uno schiavista e un sanguinario. Senza parlare poi di tutti quei presunti “scoop” che di volta in volta attribuiscono al Grande Navigatore identità diverse dalla sua e, soprattutto, pensieri e azioni che non lo riguardavano minimamente. Colombo non fu certamente un santo, ma da qui ad attribuirgli colpe inenarrabili e responsabilità che non gli competevano affatto, ce ne corre. Restituiamo dunque alla Storia la figura reale dell'uomo che ha scoperto l'America traghettando l'Europa e il mondo allora conosciuto dal Medio Evo al Rinascimento, dall'età oscura all'era moderna.
È con questo manifesto a difesa del Genovese più famoso del mondo, che Dario G. Martini (giornalista, scrittore e drammaturgo che nel marzo del 2007 ha ricevuto il premio internazionale “Cristoforo Colombo e il mare” per essere stato l'autore dei migliori testi apparsi nel mondo sulla vita e le imprese dello Scopritore), ha recentemente pubblicato con la SES di Genova il libro “Un insetto che sferza il vento”, presentato giovedì 15 maggio a Palazzo Tursi.
La definizione è dello stesso Colombo che alla fine della sua vita, ormai anziano e debilitato dall'artrosi, si definì proprio “un insetto che sferza il vento”, intendendo quel vento della calunnia e della maldicenza che non smise mai di colpirlo durante il suo soggiorno terreno. Forse, come disse Schopenahauer e come riprende Martini, “più uno appartiene alla posterità e più è straniero ai suoi contemporanei”. E così dovette sentirsi certamente Colombo che dagli spagnoli del suo tempo veniva chiamato “l'ammiraglio delle zanzare”, a causa dei terribili insetti che popolavano le terre da lui appena scoperte, mentre dai genovesi era del tutto ignorato in quanto, non facendo parte dell'aristocrazia della Superba, nessuno lo conosceva in patria.
In questi anni, spiega Martini nel suo libro, abbiamo assistito ad una specie di “tiro al Colombo” in quanto una certa storiografia di sinistra, sostenuta da scrittori latino-americani del calibro di Gabriel Garcia Màrquez e Pablo Neruda, ha dipinto la figura del Grande Navigatore come una specie di simbolo del capitalismo imperialista. In altre parole, Colombo come emissario dei Reali di Spagna che cercavano soltanto oro e potere a spese dei poveri indigeni nativi. Si è arrivati persino ad affermare che Colombo fosse stato un intenzionale divulgatore della sifilide, e cioè della malattia venerea più diffusa del suo tempo.
Un esempio di questa mentalità lo fornisce la docente spagnola Consuelo Varala che nel maggio 2006 è venuta proprio a Genova per presentare il suo libro “La caduta di Colombo” nel quale racconta di un Cristoforo Colombo “despota sanguinario che, da governatore di Santo Domingo, sottopose gli indigeni a tali vessazioni e torture da essere rimosso, processato e incarcerato per sei anni fino alla morte”. Questo sarebbe accaduto nel 1500. Peccato, però, che non solo l'ammiraglio venne immediatamente liberato dai Reali (che gli chiesero ufficialmente scusa per quell'arresto arbitrario) non appena sbarcato a Cadige, ma nel 1502 gli fu concesso di ripartire per la sua ultima spedizione. E in quanto alla morte, lo colse soltanto nel 1506 nella sua casa di Valladolid. Senza parlare poi del fatto che a processarlo fu quel tale Bobadilla che, travisando gli ordini ricevuti dai Reali, non vedeva l'ora di farla pagare all'odiato genovese. Colombo, infatti, da Viceré pretendeva di comandare gli aristocratici (e sanguinari) caudillo spagnoli, insofferenti della sua disciplina.
Martini dunque dice basta alle calunnie e alle menzogne che di tanto in tanto, ma sempre più spesso, colpiscono la figura dello Scopritore. Ed elenca sia i detrattori sia gli studiosi il cui lavoro è riconosciuto a livello mondiale per aver contribuito a delineare l'identità e la statura intellettuale del personaggio Cristoforo Colombo. Tra questi, tanto per citare alcuni nomi della cosiddetta scuola genovese, Aldo Agosto, ex direttore dell'Archivio di Stato di Genova, e il compianto Paolo Emilio Taviani.
C'è da dire che Martini non risparmia qualche staffilata anche a Genova, troppe volte matrigna con i suoi figli. E ricorda di come il 12 ottobre, anniversario della scoperta dell'America nel 1492, viene celebrato tanto negli Stati Uniti quanto in America latina, come Columbus Day. Mentre a Genova quel giorno viene ignorato. Perché? Forse la risposta, dice Martini, si trova nelle parole del radicale pessimista franco-romeno Emile Cloran (1911-1995): “Per disarmare gli invidiosi dovremmo uscire per strada con delle stampelle. Solo lo spettacolo del nostro decadimento umanizza un po' i nostri amici e i nostri nemici, i quali tutto possono sopportare, tranne i nostri successi”. E i genovesi, fa capire Martini, non hanno mai sopportato che uno di loro possa aver avuto tanto successo.

“Un insetto che sferza il vento” di Dario G. Martini, Società Editrice Sampierdarenese, 2008, pp. 128, ISBN 9788889948149, €10,00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – I siti web, blog, social media, giornali, riviste, trasmissioni televisive o radio, che desiderano servirsi dei contenuti di questo articolo per la diffusione pubblica, DEVONO CITARE IL SITO WEB RINODISTEFANO.COM COME FONTE.

Recensione precedenteIndiceRecensione successiva

PDF IconSalva come PDF

HomeInizio paginaIndietro

I miei libri | I miei articoli | Eventi & News | Rubrica Letteraria | Multimedia
Documenti | Facebook | Twitter | YouTube | Instagram | Contatti

© 2001-2019 Rino Di Stefano – Vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione
Informativa sul CopyrightInformativa sulla Privacy

Protected by Copyscape